Riforma delle pensioni: si va verso “quota 103”

La bozza è stata depositata in Congresso di Stato e presto arriverà in Consiglio Previsto un aumento dei contributi dello 0,5% annuo. Via libera entro fine 2022.

Da quota 100 a quota 103, nel giro di sei anni. E ci sarà un aumento contributivo per tutti dello 0,5%, cercando di avere un sensato occhio di riguardo per gli stipendi più bassi.

La bozza della riforma delle pensioni è sul tavolo del Congresso di Stato e presto arriverà in prima lettura in Consiglio grande e generale, prima di passare in Commissione Sanità per poi tornare in Consiglio.

Un iter che dovrebbe portare alla sua approvazione entro la fine dell’anno, come la riforma del lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Previous Article

CSdL: "Non serve riforma del mercato del lavoro, ma dei contratti di categoria"

Next Article

Italian Baseball Series, Gara 4: Parmaclima supera il San Marino: Ora il parziale è 2-2

Related Posts
Total
10
Share